Presentazione “Gruppo Qualità Legno” a “Legno&Edilizia” a Verona

Sabato 11 febbraio abbiamo presentato il Gruppo Qualità Legno, un’associazione di professionisti che vuole diffondere e recuperare la cultura del Legno.

Ne fanno parte i migliori esperti del legno in tutti i suoi campi di utilizzo, dalla cura e certificazione della foresta, al taglio con le macchine a controllo numerico di ultima generazione, senza tralasciare il calcolo strutturale di questo materiale e la storia con il recupero delle antiche tecniche di lavorazione e costruzione.

Ma il problema che ci siamo posti come primario è quello della durabilità ovvero la gestione di una posa corretta in modo che le costruzioni che realizziamo oggi siano un lascito della nostra cultura per i nostri figli e non, come spesso accade nell’edilizia, un rifiuto da smaltire dopo pochi anni.

Nel mio intervento ho cercato di spiegare come una struttura in legno abbia bisogno delle stesse cure ed attenzioni costruttive necessarie per realizzare una Casa Passiva.

Una per tutte è la necessità di creare un perimetro di tenuta all’aria realizzato con la posa di membrane traspiranti in succesione con finestre posate secondo la nuova normativa UNI11673 su tutto l’involucro edilizio. Questo non è solo un sistema per ridurre le dispersioni energetiche per Ventilazione Naturale ma un freno al flusso di umidità verso l’esterno per impedire la condensa interstiziale che è tanto dannosa per la capacità coibente dell’isolante quanto deleteria per la struttura portante in legno. L’assenza di questo accorgimento porta alla marcescenza strutturale ed in breve tempo al termine della costruzione.


“Una Casa Passiva si può realizzare al meglio con una Struttura in Legno e una Casa in Legno dura di più se è Passiva” 

Scarica il mio intervento


Seguici sui social:

Commenti chiusi